Insegnare inglese a tuo figlio è facile ed economico. Scopri come.

Se hai un’ottima padronanza dell’inglese e vuoi trasmetterla ai tuoi figli,
oppure se conosci la fatica di imparare una seconda lingua da adulto con risultati inferiori agli sforzi sostenuti e non vuoi che questo accada ai tuoi figli, continua a leggere questo articolo.

Ti svelo come puoi accompagnare il tuo bambino nell’apprendimento dell’inglese,
sia se la tua conoscenza dell’inglese è elevata, che di un livello base, ma soprattutto con costi pari quasi a zero.

Evita di usare solo la lingua inglese se non sei madrelingua.

La tecnica più in voga nelle famiglie bilingui per trasmettere diverse lingue ai bambini in cui i genitori hanno diverse nazionalità è il metodo OPOL, che significa One Person One Language, che in italiano vuol dire Una Persona Una Lingua.

Questa scelta ha senso nelle famiglie in cui uno dei genitori è madrelingua,
ma si tratta anche di un percorso scelto da molte famiglie in cui i genitori sono entrambi italiani.

Molte mamme che parlano un buon inglese infatti scelgono il metodo OPOL
usato nelle famiglie bilingui, cioè decidono di parlare SOLO inglese ai loro figli pur essendo italiane.

Queste mamme mettono da parte la loro lingua madre, cioè l’italiano, a vantaggio della lingua straniera perché hanno provato sulla loro pelle la fatica di imparare l’inglese in età adulta e
sono consapevoli del fatto che i bambini hanno maggiore facilità nell’apprendimento linguistico.

A ragione i bambini sono very thirsty little sponges, piccole spugne assetate perché apprendono in modo naturale e senza nessuna fatica, ma la scelta di una mamma italiana di parlare a suo figlio una lingua straniera è sbagliata e pericolosa.

Privarsi della lingua appartenente alle proprie origini è quanto di più INNATURALE e DRASTICO possa esserci e a lungo andare crea l’effetto contrario rispetto a quello desiderato, cioè può capitare che il bambino abbia la REPULSIONE per l’inglese.

Attenzione sto parlando del genitore italiano, le cose cambiano se a parlare solo inglese al bambino è un madrelingua.

Il modo migliore per un genitore italiano, l’unico grazie al quale potrai vedere risultati reali, è quello di accompagnare tuo figlio nel suo percorso di bilinguismo utilizzando l’inglese in una routine quotidiana che crei in base alle vostre esigenze e quindi adatta ai vostri tempi e al tuo livello di inglese.

Devi essere ONESTO. L’italiano è la tua lingua, per questo è troppo importante nella relazione con tuo figlio e non puoi rinunciarci.

Non mentire dicendo che non sai parlare italiano.

I bambini ci leggono negli occhi e se si accorgono che gli stai mentendo; è lì che perdono la loro fiducia in te e in tutto ciò che vuoi trasmettergli.

La COERENZA è un altro concetto fondamentale. Diffida di coloro che ti dicono di NON parlare solo inglese a tuo figlio perché sei italiano, ma poi non hanno esperienza diretta nell’insegnamento dell’inglese ai propri figli perché hanno invece abbandonato la loro lingua madre. Queste persone non possono mostrare risultati reali evidenti.

Introdurre l’inglese in famiglia è più complesso e serio di un GIOCO, presuppone informazione e totale dedizione.

Tuo figlio impara l’inglese solo se avete una routine quotidiana in inglese che non è fatta solo di giochi o solo di lettura, ma di un inseme di attività.

Si tratta di un apprendimento condiviso, imparate insieme, quindi  non avere paura se non sai il significato di una parola, cercalo insieme a tuo figlio o se non sei sicura di una pronuncia, controllala!

  • Puoi adottare la regola che quando si legge, si vede la tv o si fanno giochi da tavola si parla solo in inglese.
  • Puoi decidere che il tempo che si passa in macchina è dedicato all’inglese, si ascoltano canzoni in inglese o audio libri.
  • Puoi decidere che quando si stendono i panni o si scarica la lavastoviglie o si fa una torta si parla solo in Inglese.
  • Puoi organizzare viaggi all’estero e vivere l’inglese in un paese anglofono così che i bambini si rendano conto che esistono posti in cui tutti parlano inglese
  • Puoi decidere di fare l’eseprienza di ospitare una ragazza alla pari che viene da un paese anglofono e parla solo inglese…

Se il tuo inglese è scolastico non rinunciare ad aprire le porte di casa all’inglese, ma abbi l’onestà di riconoscere i tuoi limiti.

Se non ti senti sicura di leggere un libro in inglese, prima documentati sulla pronuncia, ascolta l’audio della lettura ed esercitati per conto tuo prima di leggere a tuo figlio.

Scegli libri più semplici e usa il dizionario, studia, informati…migliorerà anche il tuo inglese.

I bambini sentono la tua passione anche se il tuo inglese è di un livello basso, anzi apprezzano il tuo impegno e la tua determinazione e di conseguenza capiscono l’importanza che ha per te l’inglese.

Il tuo impegno e la tua serietà nell’imparare l’inglese trasmettono a tuo figlio l’amore per la lingua.

Se sei un genitore con un livello base di inglese non dire mai:

Non ce la farò mai!

Non fa per me!

Queste frasi trasmettono al bambino la tua frustrazione e quindi suscitano in lui il rifiuto. Invece la ripetizione delle stesse azioni in inglese seppur semplici, danno al tuo bambino sicurezza e lo predispongono positivamente nei confronti della lingua.

Sono i piccoli traguardi che ti fanno reggiungere la meta.

I due segreti affinché tuo figlio impari l’inglese anche se il tuo inglese è scolastico sono:

  1. un atteggiamento positivo nei confronti del progetto intrapreso e
  2. la costanza.

Se hai imparato a leggere perfettamente un libro e ti senti sicura di quello, fallo tutti i giorni.
Se hai deciso di mettere un cd di canzoni inglese in macchina, ascoltalo ogni volta che siete in macchina.

Leggere è il modo migliore per insegnare l’inglese a tuo figlio sia per chi ha un buon livello di inglese,
che per chi ne ha uno basso.

Un’attività semplice ed economica, che va associata a qualche piccolo esercizio.

Mi raccomando, impegnati! I tuoi bambini impareranno l’inglese solo se dedichi del tempo a questo progetto.

Se ogni singolo giorno realizzi un’attività di inglese insieme a tuo figlio, perché quel piccolo sforzo quotidiano è la goccia che scava la roccia.

Bastano 15 minuti di lettura, una canzone cantata insieme, un’attività manuale, come quella di un lavoretto che realizzi utilizzando delle frasi chiave in inglese, ma l’inglese deve essere con voi tutti i giorni per ottenere risultati reali.

Puoi leggere Pig gets lost il libro della collana Farmyard Tales della Usbrone come i genitori che hanno partecipato all’utlimo storytelling, l’evento di lettura in inglese di Mamma Bilingue.

Se sei interessato all’acquisto del libro puoi comprarlo tramite me contattandomi ai contatti presenti nel blog o da amazon premendo qui.

Puoi associare alla lettura la canzone della Vecchia Fattoria.
Nella home page del blog puoi ascoltare la canzone Old Mac Donald had a farm, in cui ci sono tutti i versi degli animali corretti nella lingua inglese, mentre in molti dei file e dei video che trovi nel web alcuni dei versi sono modificati e non corrispondenti a quelli che usano i bambini inglesi.

Puoi inoltre vedere il video di Mother Goose, una tv web seguitissima dai bambini inglesi e americani. Potete prendere spunto dal ragazzo che canta la canzone, infatti usa i finger puppets per cantare Old Mac Donald. I finger puppets, delle marionette per le dita, servono a facilitare la comprensione.

Nel video appare anche il testo della canzone che ti aiuta a cantarla.

 

Se sei interessato all’acquisto delle marionette per le dita dei personaggi della Vecchia Fattoria usate nel video puoi acquistarle premendo qui.
I versi degli animali hanno suoni differenti tra l’italiano e l’inglese.

Dopo aver ascoltato la canzone poni questa domanda ai tuoi bambini:

– How does the cat go?
– La risposta è The cat goes meow.

Come fa il gatto? Il gatto fa miao.

Puoi aiutarti anche con delle immagini, prese e stampate da internet o semplicemente sfogliando le immagini di un libro.

Alcuni dei versi inglesi sono uguali a quelli italiani, come nel caso del gatto.

Ti scrivo quelli che differiscono:

The horse goes neigh (neii)
The dog goes woof
The pig goes oink
The rooster goes cockadoodledoo (ebbene si proprio così)
The hen goes cluk cluk
The frog goes ribbit

Nel caso decidi di prendere il libro da me sai che puoi ricevere gratuitamente il file audio della lettura del libro per la pronuncia e suggerimenti su come leggerlo e ulteriori attività da realizzare per accompagnare la lettura.

In fine realizzare la maschera del maialino che si perde, protagonista della storia, è un ottimo modo per imaprare l’inglese insieme a tuo figlio e supportare la lettura.

Basta usare un piatto di carta che colorerete di rosa. Poi attaccate le parti della faccia del maialino sul piatto e fate due buchi sui lati per inserire l’elastico che regge la maschera.

Il file pdf del viso del maialino per realizzare la maschera lo trovi qui. Non dimenticare di utilizzare le seguenti frasi quando vi mettete all’opera.

We are making a pig mask (Facciamo la maschera del maialino)

Let’s color the plate pink (Coloriamo il piatto di rosa) o

What color is the pig? Di che colore è il maiale? The pig is pink. Il maiale è rosa.

Let’s cut the face with the scissors. Look at the eyes, the nose, the ears, the mouth (indicando le varie parti della faccia del maiale, dirai in inglese: Tagliamo la faccia del maiale. Guarda gli occhi, il naso, le orecchie, la bocca

Let’s stick the face’s parts on the plate (Appiccichiamo le parti del viso sul piatto).

Se ti senti incerta sulla pronuncia usa l’applicazione www.wordreference.com è un dizionario on line scaricabile anche sul cellulare dove digiti la parola e ascolti la pronuncia.

Il prossimo incontro ci sarà il terzo sabato di febbraio cioè il 18 febbraio alle ore 11.

Se cuoi partecipare anche tu inserisci la tua mail qui e riceverai tutte le informazioni.

Ricorda che dipende solo da te se il monolinguismo è curabile.

Lilli

 

Facebook Comments

Leave a Comment

Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni